Dentro e fuori (il cinema)

Si può analizzare la salute mentale attraverso la lente del cinema? Dentro e fuori (il cinema) è un corso pensato per le classi delle scuole superiori, e realizzato in collaborazione con AUSL, progetto Ri.So e Arci.
Si prefigge l'obiettivo di erodere alcuni taboo legati al tema della salute mentale e del ricorso alla terapia e allo sportello psicologico in fase adolescenziale, avvalendosi dello strumento del cinema e come questo nella sua evoluzione abbia avuto un ruolo fondamentale nella rappresentazione della mental illness.

Il corso si articola in tre lezioni da due ore, una delle quali in presenza degli sportellisti dell'istituto, che porteranno gli studenti ad analizzare le scelte registiche con cui nei film viene proposta la relazione che gli adolescenti hanno con le proprie case, ad empatizzare e riconoscere eventuali difficoltà e capire a chi chiedere aiuto qualora fosse necessario. L'elaborato finale prevede la scrittura di un soggetto cinematografico che abbia come tema un adolescente in relazione con la propria casa.

capire il regista

OBIETTIVO 1
Fornire gli strumenti per analizzare situazioni di disagio personale, utilizzando il linguaggio del cinema

 

capire il regista

OBIETTIVO 2
Ragionare sullo storytelling e sugli elementi visivi che supportano il racconto su pellicola

OBIETTIVO 3
Fornire nuovi strumenti per esprimere se stessi, imparando a redigere un soggetto cinematografico

OBIETTIVO 4
Esplorare e incentivare lo sviluppo della creatività degli studenti e sperimentare nuovi modi di raccontare e pensare a se stessi

Vuoi saperne di più? Contattaci!


    * Informazioni obbligatorie
    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

    La tua Città!

    Perché alcune vie della nostra città sono intitolate ad un personaggio piuttosto che ad un altro? Per quale motivo è stato scelto? Che storia c’è dietro a quel nome?

    Con gli educatori dell’Academy andremo alla scoperta delle vie della Tua Città! Questo percorso educativo mira ad offrire una maggiore conoscenza del proprio territorio con un approccio multidisciplinare che parte dalla conoscenza delle storie delle persone a cui sono intitolate alcune vie.  Attraverso un percorso crossmediale scopriremo i luoghi della città dedicati a persone che si sono battute per la legalità e la giustizia, che hanno toccato con mano da vicino gli effetti della criminalità organizzata o che sono stati vittime di agguati terroristici.

    In 4 lezioni da 2 ore ciascuno, i partecipanti elaboreranno insieme agli educatori un testo che racconta la storia dei personaggi presi in esame e gireranno un breve filmato sulla via prescelta. Gli studenti, oltre a conoscere da vicino le biografie e l’impegno dei personaggi presi in esame, impareranno a scrivere un soggetto e produrre un breve filmato tematico. Lavorare sulla consapevolezza degli spazi aiuterà i ragazzi a valorizzare il proprio territorio e li renderà partecipi alla vita cittadina.

     

     

     

     

    ICON_SVILUPPARE_IDEA_1

    OBIETTIVO 1
    Imparare a condividere idee finalizzate alla produzione di un lavoro creativo

    educare all'immagine

    OBIETTIVO 2
    Immedesimarsi in una storia per creare un racconto che tenga conto del valore narrativo, biogragfico ed emozionale

    ICON_INCIPIT_2

    OBIETTIVO 3
    Cooperazione e condivisione tra i compagni per il raggiungimento di un obiettivo

    ICON_FORMA_DELL_ACQUA_2

    OBIETTIVO 4
    Imparare qualcosa di nuovo con l'obiettivo di condividere la propria conoscenza con gli altri

    Salvo D'Acquisto, Giacomo Matteotti, Peppino Impastato

    Sono queste le 3 biografie indagate dai ragazzi delle quarte della Scuola Primaria Iqbal Masih di Medolla. Le vite di 3 personalità raccontate dal punto di vista dei ragazzi, che durante il corso hanno consolidato le loro capacità di redigere testi informativi, concentrandosi sulle nozioni più interessanti e riuscendo a restituire i loro studi alla comunità.

    Vuoi saperne di più? Contattaci!


      * Informazioni obbligatorie
      Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

      I Perdenti del Cinema

      In ottica cross progettuale, a supporto delle attività di TILT (l'Associazione Giovanile da cui nasce l'Ennesimo Film Festival e di conseguenza l'Academy!) abbiamo pensato ad un percorso di avvicinamento al Festival della Sconfitta (progetto di TILT in collaborazione con il Comune di Castelfranco Emilia, in via di definizione).

      Partendo dall'idea che sta alla base del progetto 'Festival della Sconfitta', ci siamo posti una domanda: come viene rappresentato il ruolo del perdente nel cinema?
      In questa formazione aziendale organizzata per Umana Forma rivolta ai manager di Mc Donald's Italia, raccontiamo come la sconfitta non sia che l'altra faccia della medaglia del talento e un sua diretta controindicazione.
      Da Funny Games a Un giorno di ordinaria follia, passando per serie come Ted Lasso e Euphoria arrivando ai recenti prodotti Netflix Diamanti grezzi e Don't look up: un'ode al fallimento per affrontare meglio l'attrito del reale che affrontiamo nella vita di tutti i giorni.

      raccontare per immagini

      OBIETTIVO 1
      Individuare i ruoli di un film e comprendere le dinamiche della narrazione

      raccontare per immagini

      OBIETTIVO 2
      Interpretare le differenze tra lieto fine e finale amaro

      raccontare per immagini

      OBIETTIVO 3
      Analizzare il ruolo del perdente in relazione ai generi cinematografici

      raccontare per immagini

      OBIETTIVO 4
      Comparare la realtà con la finzione: come un protagonista può fallire

      Vuoi saperne di più? Contattaci!


        * Informazioni obbligatorie
        Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

        corsi docenti ennesimo academy film festival fiorano modena (6)

        Cinema di Classe

        In continuità del nostro libro di testo (Edizioni ETS, 2021) nasce il corso Cinema di classe. Pensato per integrare le diverse forme dell’audiovisivo alla didattica tradizionale e fornire spunti, idee e prospettive a docenti e insegnanti per la preparazione di lezioni, percorsi tematici e laboratori.

        Il corso prevede 5 incontri, i primi tratteranno in modo generico ed ampio come integrare l'audiovisivo all'interno della didattica tradizionale, focalizzandosi sulle peculiarità del linguaggio cinematografico e la differenza fra la didattica con gli audiovisivi e la didattica degli audiovisivi. Inoltre ci sarà spazio per una parte laboratoriale in cui gli insegnanti si cimenteranno, guidati dai nostri formatori, con tutte le fasi progettazione di un laboratorio didattico: dall'ideazione, alla ricerca di un finanziamento e la ricerca di partner, nonché la redazione di un budget previsionale e la rendicontazione finale.  Le altre giornate saranno invece dedicate a focus tematici, quali Sport, Storia e Legalità.

        il mezzo video

        OBIETTIVO 1
        Offrire gli strumenti indispensabili per l'ideazione, la progettazione e ricerca di budget per realizzare un laboratorio didattico

         

         

        capire il regista

        OBIETTIVO 2
        Fornire indicazioni su come integrare le forme audiovisive nei corsi di didattica tradizionale

        il mezzo video

        OBIETTIVO 3
        Acquisire competenze e conoscenza di codici cinematografici da utilizzare in autonomia in classe con gli studenti

        capire il regista

        OBIETTIVO 4
        Creazione di percorsi didattici film-based e acquisizione di nuovi strumenti linguistici e pedagogici

        Vuoi saperne di più? Contattaci!


          * Informazioni obbligatorie
          Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

          corsi docenti ennesimo academy film festival fiorano modena (7)

          Migrazioni e identità

          corsi docenti ennesimo academy film festival fiorano modena (1)

          Il corso Migrazioni e Identità è pensato per integrare le diverse forme dell’audiovisivo alla didattica tradizionale e fornire spunti, idee e prospettive a docenti e insegnanti per la preparazione di lezioni, percorsi tematici e laboratori.

          Il corso prevede 2 incontri durante i quali saranno affrontate la questione dell'identità nazionale e il fenomeno della migrazione sotto diversi punti di vista. Partendo dal cinema del Ventennio Fascista, passando per il neorealismo, la commedia all’italiana, il cinema Hollywoodiano e le forme documentarie, si compirà una rapida carrellata sulle immagini che hanno contribuito a costruire l’identità italiana tra cinema del reale e fiction, tra carattere romanzesco della storia ed elemento favolistico. Un discorso approfondito sarà poi dedicato a come l'industria cinematografica tratta la tematica "identità e migrazione" e di come affrontare la conversazione con studenti di formazione e culture diverse e cittadini di seconda generazione.

          Obiettivo finale è fornire strumenti pratici per  trattare i temi dell’inclusione sociale e culturale, lo scambio e la valorizzazione delle biografie personali, dei riferimenti culturali e delle lingue d’origine per lavorare alla tutela delle situazioni di vulnerabilità prestando attenzione alla storia personale e collettiva.

          sottotitolazione

          OBIETTIVO 1
          Coinvolgimento dei partecipanti in un lavoro creativo di collaborazione reciproca

           

          capire il regista

          OBIETTIVO 2
          Soddisfazioni personale derivante dal mettersi in gioco, aprendosi al confronto con gli altri e accettando la diversità di opinione

          capire il regista

          OBIETTIVO 3
          Benessere derivato dal divertimento genuino di un’esperienza condivisa

          il mezzo video

          OBIETTIVO 4
          Educazione al cinema, al suo ambiente e al suo valore emozionale

          Vuoi saperne di più? Contattaci!


            * Informazioni obbligatorie
            Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

            Cinema di Classe. Per una pedagogia dell’audiovisivo

            Cinema_di_classe_cover
            IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI TESTO

            Cinema di Classe.
            Per una pedagogia dell'audiovisivo

            Un libro, edito da ETS Edizioni, che vuole essere uno strumento per la preparazioni di lezioni e laboratori tematici capaci di incentivare l'uso di forme audiovisive in sinergia con la didattica tradizionale. La pubblicazione sarà composta da 10 saggi di altrettanti autori che affrontano temi legati alla contemporaneità storico-sociale e, al contempo, instaura dialoghi, discorsi e riflessioni con opere cinematografiche e audiovisive capaci di approfondire e suggerire sguardi peculiari e alternativi.

             

             

            Indice

            Introduzione. Sua realtà, lo schermo
            Federico Ferrari e Mirco Marmiroli 

            Oskar’s List: cinema e memoria
            Adriano Arati 

            Il cinema e lo sport: un connubio perfetto
            per insegnarci a vivere
            Andrea Chimento

            Cinema e legalità
            Cinemovel 
            Quando il cinema è uscito dalla sala
            di Elisabetta Antognoni e Nello Ferrieri
            L’immaginario collettivo nell’epoca
            della sua riproducibilità tecnica di Enzo Bevar

            Cinema dei movimenti e delle manifestazioni di piazza
            Letizia Cortini 

            Ecologia, crisi, relazione e possibilità: il cinema e le serie Tv
            come strumento di azione climatica
            Ferdinando Cotugno 

            Cinema, arte e follia
            Francesco D’Isa

            Diritti umani: tutti per uno
            Ilaria Feole

            L’affettività nella rappresentazione ciclica
            della serie tv This Is Us
            Giovanna Gallo 

            Il terrorismo nel cinema italiano: Piazza delle Cinque Lune
            e Buongiorno, notte, due esempi a confronto
            Christian Uva

            La scienza al cinema
            Gianni Zanarini

            Postfazione. La lettura del film
            Roy Menarini

             

             

             

             

            Come acquistarlo?

             

             

             

             

             

             

            Insegni nel Comune di Fiorano Modenese?

            Vuoi saperne di più? Contattaci!


              * Informazioni obbligatorie
              Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

              Sotto i nostri occhi

              Come si realizza un documentario? Basta prendere in mano il cellulare e iniziare a riprendere? Come posso rendere efficace una narrazione audiovisiva quando ho un obiettivo comunicativo preciso? Quanto influisce il destinatario sul linguaggio e sullo stile che utilizzerò nel mio documentario?

              Questo corso si prefigge l’obiettivo di accompagnare i ragazzi nelle fasi di creazione di un prodotto audiovisivo di genere documentario dall’ideazione al montaggio, tenendo conto della missione comunicativa e dei destinatari (coetanei e non solo), fornendo competenze tecniche e di utilizzo di specifici programmi per il montaggio video, oltre alla stimolazione di competenze creative e sviluppo di spunti per il brainstorming. Il corso intende offrirsi come opportunità per l’utenza affinché possa, oltre ad acquisire competenze e conoscenze, esprimersi e condividere un personale sguardo e modo di vedere il quartiere e la città di appartenenza. Le ragazze e i ragazzi vivranno la soddisfazione di curare passo dopo passo, fino all’elaborazione del prodotto finito una creazione audiovisiva originale

              capire il regista

              OBIETTIVO 1
              Comprendere le potenzialità del video come strumento per l’espressione personale e il racconto

               

              capire il regista

              OBIETTIVO 2
              Seguire il processo di realizzazione del video dall’ideazione al prodotto finito, facendone derivare soddisfazione e autostima

              sottotitolazione

              OBIETTIVO 3
              Acquisire nozioni e competenze professionali essenziali e di base, oltre che comprendere un metodo di lavoro basato sulla programmazione

              il mezzo video

              OBIETTIVO 4
              Esplorare e incentivare lo sviluppo della creatività dei singoli verso nuovi modi per raccontare luoghi, argomenti, fatti e fenomeni.

              Vuoi saperne di più? Contattaci!


                * Informazioni obbligatorie
                Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

                esprimersi-ennesimo-academy-film-festival

                Esprimer-Sì

                esprimersi-ennesimo-academy-film-festival

                Far emergere sentimenti, opinioni e pensieri con l’aiuto della comunicazione verbale e non verbale. Anche i bambini faticano a volte ad esprimersi...

                Il corso dedicato alle  sezioni 3-4-5 anni delle scuole dell’infanzia mira ad aiutare i bambini a comunicare in un percorso che unisce il mondo teatrale, dell’improvvisazione e l’arte attraverso la conoscenza dei grandi artisti contemporanei.  Lavorando in particolar modo su tre punti: espressione corporea, facciale ed espressione dell’io interiore per dare sfogo alle proprie emozioni.

                 

                 

                Primi passi

                OBIETTIVO 1
                Apprendere il concetto di ESPRESSIONE PERSONALE

                educare all'immagine

                OBIETTIVO 2
                Sperimentare diverse espressioni artistiche

                educare all'immagine

                OBIETTIVO 3
                Essere consapevoli delle proprie emozioni

                Primi passi

                OBIETTIVO 4
                Apprendere rudimenti dell'arte contemporanea!

                Vuoi saperne di più? Contattaci!


                  * Informazioni obbligatorie
                  Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

                  RACCONTARE I MOVIMENTI DI PIAZZA INCHIESTE, STEREOTIPI, NARRAZIONI

                  Raccontare i movimenti di piazza: inchieste, stereotipi, narrazioni, processi 2019

                  RACCONTARE I MOVIMENTI DI PIAZZA INCHIESTE, STEREOTIPI, NARRAZIONI

                  La narrazione dei movimenti di piazza e i cambiamenti che ha subito questo tipo di racconto in relazione all’avvento di nuovi media e lo sviluppo di nuovi formati cinematografici fra cui il reportage e il documentario d’inchiesta.

                  Partendo dall’analisi di alcuni documentari e dalle basi narrative che hanno utilizzato per raccontare le manifestazioni della seconda metà del Novecento, l’incontro si è focalizzato sulle nuove piattaforme on demand e su quali strumenti il mondo del giornalismo sta utilizzando per seguire questo tipo di avvenimenti. Una mattina con Vittorio Iervese, Alice Mattoni e Francesco Ghidetti.

                  Vuoi saperne di più? Contattaci!


                    * Informazioni obbligatorie
                    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.

                    seminario-giornalisti-2018-fondazione-marco-biagi-short-on-work-1

                    Raccontare e documentare il mondo del lavoro di oggi 2018

                    seminario-giornalisti-2018-fondazione-marco-biagi-short-on-work-1

                    È possibile analizzare i cambiamenti del mondo del lavoro attraverso la lente del cinema documentario, fra ricerche interdisciplinari e risvolti pratici?

                    Ci abbiamo provato studiando da vicino il progetto Short on Work promosso dalla Fondazione Biagi e dall’Università degli Studi di Modena e Reggio insieme ai docenti Tommaso Fabbri e Vittorio Iervese, al direttore della Gazzetta di Modena Enrico Grazioli e ai ricercatori Giulia Piscitelli, Giorgio Risso e Antonella Capalbi.

                    Vuoi saperne di più? Contattaci!


                      * Informazioni obbligatorie
                      Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la politica della privacy e i termini del servizio di Google.